pere nashi
Natura,  Varietà

Pera o mela, perché scegliere?
Succose, gustose ed appetitose, una bontà assoluta per il palato.

Pera o mela, perché scegliere? C’è un albero da frutto, diffuso in oriente ma ora presente anche alle nostre latitudini molto singolare. Si tratta del nashi o pero giapponese i cui frutti sono le famigerate mele-pere. Succose, gustose ed appetitose sono una bontà assoluta per il palato.

Dalla forma tondeggiante, dalla polpa succosa e croccante le mele-pere hanno un aspetto molto particolare. La sua epidermide è punteggiata da lenticelle, come dei piccoli pori. Le pere nashi sono l’ideale anche solo per una merenda di metà mattina o di tardo pomeriggio. Come spuntino sono squisite, utili anche come dessert. Buonissime in macedonie ed in insalate.

Molto utilizzabili anche in cucina perché fruibili in tantissime ricette, le pere nashi sono una golosità da provare. Da provare sole o accompagnate.

Non so se avete mai assaggiato la torta pere nashi e cioccolato, una vera delizia! Poi ci sono le crostate e le confetture? Meravigliose!

mele nashi
Due esemplari Nashi

Lo sapevate che il nashi era coltivato in Cina più di 3000 anni fa? Fu poi nel XIX secolo ad essere introdotto in America. Dapprima coltiva dai minatori cinesi oltreoceano, fu poi nel ‘900, in quello che venne definito Secolo Breve, a comparire in Europa. Per i più curiosi, ecco una chicca: in Giappone sono un’apprezzatissima idea–regalo.  E sono molto gettonati.

L’albero che raggiunge anche l’altezza di 5 metri, resiste bene alle intemperie ma teme la siccità. Preferisce terreni fertili, irrigabili ed argillosi. E’ innestabile sul pero. I suoi fiori sono bianchi, il frutto si raccoglie tra fine agosto e settembre.  Il nashi ha la forma tipica delle mele ma è appiattita. La sua polpa è compatta, la buccia ha tonalità che variano dal dorato-bronzato al giallo-verde. La consistenza ricorda più una pera che una mela, ma perché scegliere? Questo frutto è dolce e dissetante.

Personalmente, da quando ho assaporato le pere nashi non sono riuscita più a farne almeno. E voi, che ne pensate?

RSS
Facebook
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

back to top