Cinque curiosità sul Salone Internazionale del Libro di Torino
Cultura,  Libri

Cinque curiosità sul Salone Internazionale del Libro di Torino
Tante curiosità e una novità importantissima: ci saremo anche noi!

A tutti gli amanti della lettura, dal 19 al 23 maggio 2022 c’è un appuntamento imperdibile: la XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Ecco cinque curiosità sul Salone Internazionale del Libro di Torino 2022.

Verso la libertà. Innanzitutto questa edizione 2022 del Salone Internazionale del Libro, come le precedenti, ha un titolo che rappresenta il tema principale di tutta la manifestazione: “Cuori Selvaggi”. Ma che cosa significa? Come mostrato anche nel manifesto dell’evento curato dall’illustratore e autore italiano Emiliano Ponzi, in questi tempi inquieti, in cui si mescolano turbolenze e speranze, il Salone del Libro invita la sua comunità di lettori e lettrici a correre selvaggiamente verso un orizzonte fatto di sentieri ancora non battuti e di sconfinata libertà. In nome dell’amicizia, della pace tra i popoli, del dialogo e dell’amore per la cultura.

Il dialogo come soluzione. La seconda curiosità riguarda l’allestimento di uno spazio d’attualità in questo periodo ma sempre, in ogni tempo, importantissimo: la Casa della Pace. Uno spazio fisico dedicato al dialogo, all’incontro, all’informazione sulle iniziative di solidarietà del territorio. Ci sarà anche il  racconto di esperienze virtuose, in cui ONG, reti solidali potranno condividere con i visitatori esperienze e storie.

Ci siamo anche noi al Salone Internazionale del Libro di Torino!

In questa edizione parteciperemo, in maniera virtuale, anche noi di Pinwheel Time! Infatti alcuni dei racconti scritti dalle redattrici del nostro blog saranno presenti nelle raccolte di Historica Edizioni “Racconti dalla Natura”, “Racconti Storici” e “Racconti a Tavola”. Ma saremo anche in “Storie Moderne dall’Antico Giappone” di Idrovolante Edizioni presso lo Stand P77 (padiglione 3), “I segreti di Torino”, “Le città di Saturno” e “Il mare di Roma” presso lo spazio espositivo curato Rudis Edizioni.

Cinque curiosità sul Salone Internazionale del Libro di Torino
Cinque curiosità sul Salone Internazionale del Libro di Torino

Il Salone Green. Quarta curiosità e novità di questa edizione: il Bosco degli Scrittori! Un anfiteatro naturale di 200 metri quadri realizzato da Aboca Edizioni. È composto da oltre 1000 alberi, tra piante e arbusti. Un luogo pensato per immergersi fisicamente nel verde e partecipare a presentazioni e dibattiti sui grandi temi ambientali che caratterizzano il nostro tempo, ma anche uno dei punti di riferimento per le iniziative del Salone dedicate alla natura e alla sostenibilità.

Per tutti i giovani lettori. Ma il Salone del Libro è anche uno spazio dedicato ai lettori più giovani. Infatti c’è il Bookstock, presente già da quindici anni. Uno spazio per tutti coloro che amano scoprire e sperimentare: dei giovani, delle scuole, dei bambini e delle loro famiglie. Gli altri spazi sono: l’Arena Bookstock da 300 posti, la Sala Bronzo e Sala Gialla da 80 posti, il Bookblog, la redazione dei giovani reporter. Tornano l’Albero Azzurro di Rai con l’amato Dodò, l’aula studio di Edisu e il BookLab dedicato alla formazione e, novità di questa edizione, la Biblioteca Scolastica.

Tutte le informazioni le potete trovare sui canali ufficiali della manifestazione.

Condividi pure l’articolo Cinque curiosità sul Salone Internazionale del Libro di Torino se ti è piaciuto e, se vuoi, seguici sui nostri social.

RSS
Facebook
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

back to top